Amore per le tradizioni

I Fiadoni abruzzesi e la Domenica delle Palme oggi. Domenica di festa. Festa indipendentemente da cosa credi, in chi credi. Nel sole per esempio, che qui da noi oggi è forte e bello come il cielo azzurro che non accenna ad alcuna nuvola fortunatamente. Festa dei dolci e del buon cibo. Festa di un babbo da festeggiare ancora, anche solo nei ricordi. Festa dei buoni pensieri, dei progetti da progettare, di quelli che invece sono ancora da pensare. La voglia di sentirsi bene, di casa. Celebriamo tutto questo oggi con una ricetta della tradizione, di quelle che ogni anno in questo periodo non possono mancare! Fiadoni, per portare un po’ del nostro Abruzzo ovunque queste parole saranno lette e queste foto apprezzate…

Fiadoni abruzzesi
Fiadoni abruzzesi

per la pasta:

500 gr di farina “00”

1/2 bicchiere di latte

1/2 bicchiere di olio evo

1/2 bicchiere di vino bianco

una presa di sale

una presa di zucchero

2 uova

per il ripieno:

300 gr di Grana Padano grattugiato

300 gr di Rigatino grattugiato

4 uova

1 bustina di lievito per dolci

un pizzico di pepe

Castelli (TE)
Castelli (TE)

Per preparare la pasta dei fiadoni abruzzesi: su di una spianatoia versate la farina a fontana, poi fate un buco al centro e versate i liquidi, le uova e la presa di sale e lo zucchero.

Impastate per bene e in caso dovesse risultare la pasta appiccicosa aggiungete altra farina, facendo attenzione a non aggiungerne troppa.

L’impasto dovrà comunque rimanere morbido; copritelo con un canovaccio e lasciatelo riposare mentre preparate la farcia.

Rompete le uova e sbattetele a schiuma; prelevatene un bicchierino e mettetelo da parte.

In una ciotola riunite i due formaggi insieme al lievito e ad una presa di zucchero e mano a mano iniziate ad aggiungere le uova sbattute, mescolando, fino a quando i formaggi saranno ben compatti e ammorbiditi.

Fiadoni abruzzesi
Fiadoni abruzzesi

A questo punto è tutto pronto per iniziare a creare i fiadoni; tirate la pasta, pezzo per pezzo, in sfoglie sottili all’incirca 3 mm e ben larghe.

Prelevate poi tanti cucchiaini di impasto che andrete a posizionare sulla sfoglia ben distanziati: ribaltate la sfoglia per coprire i mucchietti, modellate ogni singolo fiadone con i lati delle mani e poi con un tagliapasta ritagliateli a mezzaluna.

Fate attenzione affinché i fiadoni siano ben chiusi aiutandovi se volete con i rebbi di una forchetta schiacciando per bene la pasta a chiusura dei fiadoni in modo che non si apra durante la cottura.

A fine operazione posizionateli in teglie ricoperte con carta forno, spennellateli con l’uovo sbattuto messo da parte e praticate sulla superficie uno o due taglietti, con una forbice, cosicché durante la cottura il formaggio possa sbuffare da essi e rendere il fiadone ancora più bello.

Infornate a 180 gradi per 25/30 minuti: appena saranno colorati in superficie potete spegnere il forno e lasciarli riposare dentro per qualche minuto, così il formaggio ancora bollente avrà modo di asciugarsi.

Dosi per 30/40 fiadoni.

Ilaria & Serena

Fiadoni abruzzesi
Fiadoni abruzzesi

Se ti è piaciuta questa storia e questa ricetta faccelo sapere!

Noi siamo FoodBlogger ma prima di tutto ci sentiamo FoodLovers… a disposizione di chiunque volesse fare del proprio momento eating un’occasione speciale!

Per qualunque informazione su di noi o su ciò che facciamo, scriveteci una e-mail a pois@unacucinaapois.com o tramite le nostre pagine social!

Seguiteci anche su Facebook | Twitter | Instagram | Pinterest | Google+

Grazie a tutti per averci regalato anche solo qualche minuto della vostra attenzione!

Tanti pois per voi… che poi alla fine sono solo baci!

Ilaria & Serena

1 Comment on Fiadoni abruzzesi

  1. Claudia Clement
    31 Maggio 2020 at 11:42 (21 ore ago)

    Hi, We are wondering if you would be interested in our service, where we can provide you with a dofollow link from Amazon (DA 96) back to unacucinaapois.com?

    The price is just $67 per link, via Paypal.

    To explain what DA is and the benefit for your website, along with a sample of an existing link, please read here: https://backlinkfaq.xyz/

    If you’d be interested in learning more, reply to this email but please make sure you include the word INTERESTED in the subject line field, so we can get to your reply sooner.

    Kind Regards,
    Claudia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *